L’ascesso nel gatto

Purtroppo non è raro che i gatti soffrano di ascessi. Soprattutto agli spiriti liberi che vivono anche all’aperto, capita di tornare a casa con qualche ferita da cui fuoriesce del pus. Ma come si riconosce l’ascesso nel gatto e come va trattato?  Scopriamo insieme quello che c’è da sapere su questo argomento.

Devo lavare il mio gatto?

I gatti sono animali puliti per natura e raramente si ritrovano con il pelo molto sporco. .  Dedicano gran parte della giornata alla pulizia del proprio manto, che praticano in modo scrupoloso. Per farlo, i nostri tigrotti si aiutano esclusivamente con la loro lingua, uno strumento davvero straordinario per la cura del pelo

Curare la cistite nel gatto

Se il tuo pet ha la cistite e significa che ha la vescica infiammata. Specialmente i gatti adulti, quelli castrati e in sovrappeso soffrono spesso di una infiammazione delle vie urinarie, ma i fastidi sono davvero molti. Le cause? Oltre alle infezioni di tipo batterico, di solito si tratta di cristalli e di calcoli urinari, ma ci sono anche le infiammazioni sterili della vescica come la cistite idiopatica felina (FIC).

Come mai il mio gatto vomita?

Il vomito non è una malattia in sé, bensì un sintomo. Può quindi derivare da diversi fattori, come malattie del tratto gastrointestinale e di altri organi, intolleranze alimentari e avvelenamento. Se nel corpo viene sollecitato il cosiddetto centro del vomito, che si trova in un’area specifica del cervello, il risultato che ne deriva è appunto che il gatto vomiti.

Come capire se il gatto ha dolore

Esattamente come noi umani, i gatti possono provare forte dolore. L’unico problema è che spesso ce lo nascondono. Senza trattamento, però, il dolore può rapidamente diventare cronico. È quindi importante prestare attenzione ad eventuali cambiamenti a livello di comportamento da parte del nostro animale, in modo da avviare per tempo il giusto trattamento antidolorifico.

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?