di Felice Nicotera

«Alle volte è dentro di noi qualcosa (che tu sai bene perché è la poesia) qualcosa di buio in cui si fa luminosa la vita: un pianto interno, una nostalgia gonfia di asciutte, pure lacrime».
Pier Paolo Pasolini


Cadono le foglie al primo freddo d’autunno e il poeta sogna la persona amata, ricordando i bei momenti come se fossero ancora presenti. Una canzone gli ricorda l’estasi amorosa vissuta di contrabbando mentre il rintocco di una campana lo riporta alla triste realtà.  
 SUONNO D’AUTUNNO (dialetto partenopeo)
 
 Moreno ‘e fronne!
 Trase ‘o primmo friddo…
 E tu ‘int’e suonne
 me tuorne a lusingà…
 
 Allora tengo mente
 tutt’’e mumente nuoste
 comme si eternamente
 campasse ancora ccà…
  
 Ricordo ‘a canzuncella..
 e ‘addora de’ capille…
 ‘Na freva sott’’a pella
 faceva sfrennesià…
  
 Suffrenno pe’ stu bbene
 ‘o core ‘ngenuamente
 passava ll’ore sane
 sfidanno ‘a libertà…
  
 T’abbraccio… Malafemmena
 c’ancora me faie chiagnere…
 Te chiammo…e ‘na campana
 triste risponde già…..
  
 SOGNO D’AUTUNNO (italiano)
 
 Muoiono le foglie!
 Entra il primo freddo…
 E tu nei miei sogni
 ritorni a lusingarmi…
  
 Allora ricordo  
 tutti i nostri momenti
 come se eternamente
 vivresti ancora qui…  
  
 Ricordo la canzoncella..
 L’odore dei capelli…
 Una febbre nelle vene  
 Ci faceva tormentare…
 
 
 Soffrendo per questo bene
 Il cuore ingenuamente
 viveva tutto il tempo
 sfidando la libertà….
 
 Ti abbraccio… donna cattiva
 che ancora mi fai piangere…
 Ti chiamo… ma una campana
 Triste mi risponde ora….

La raccolta “Suonno d’autunno” di Felice Nicotera

[catlist name=suonno-dautunno numberposts=1000]