di Felice Nicotera


l più grande poeta napoletano, Salvatore Di Giacomo, legatissimo alla sua terra, in questo brano celeberrimo, tra le poesie più belle e sublimi di tutti i tempi, descrive con malinconica e finissima dolcezza, lo smarrimento e la solitudine nell’incantevole silenzio notturno. E ci possiamo abbandonare al sogno.

 Pianefforte 'e notte      
 
 Nu pianefforte 'e notte
 sona luntanamente,
 e 'a museca se sente
 pe ll'aria suspirà.
 
 È ll'una: dorme 'o vico
 ncopp'a nonna nonna
 'e nu mutivo antico
 'e tanto tiempo fa.
 
 Dio, quanta stelle 'n cielo!
 Che luna! E c'aria doce!
 Quanto na della voce
 vurria sentì cantà!
 Ma sulitario e lento
 more 'o mutivo antico;
 se fa cchiù cupo 'o vico
 dint'a ll'oscurità...
 
 Ll'anema mia surtanto
 rummane a sta fenesta.
 Aspetta ancora. E resta,
 ncantannese, a pensà. 

Gli articoli di “Napolitudine”
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments