di Felice Nicotera

Tra le vecchie usanze e tradizioni delle nostre terre, ricordo con particolare nostalgia le attenzioni usate dai salumieri ed altri venditori per aggraziarsi il cliente in occasione delle festività importanti. C’era un rapporto personale inesorabilmente scomparso con l’avvento dei supermercati e delle grosse catene di distribuzione.


 O CANISTO (Eduardo De Filippo)
  
 'O canisto 'o mannava 'o putecaro
 p’'a festa 'e Pasca...
 Sunav’'a porta
 e quanno ll'arapive,
 primm''e trasi' 'o guarzone
 ca purtava
 'o canisto pesante
 sotto 'o vraccio,
 traseva dint''a casa
 l'addore d''a puteca
 'e putecaro,
 addò 'o ffurmaggio,
 'a provola,
 'o ssalame,
 'a murtadella,
 'e cicule,
 'o ppresutto,
 nziemo ch''e chiapparielle
 e ll'aulive
 e ll'alice salate
 ch''e ssardine,
 campano tutte nzieme,
 alleramente,
 cumm'a dint'a nu vascio,
 na famiglia
 cchiù sta nzardata
 cchiù se vo' nzarda'.
 Era 'o canisto
 tutt'annucato
 e violacciocche attuorno!
 Era l'usanza 'e quanno
 'o neguziante
 s''a teneva gelosa 'a clientela,
 ll'accunto s''allisciava
 e te mannava
 primma d''o iuorno d''a festività,
 tanta rrobba mmiscata,
 ca t'abbastava tutta na semmana:
 tutta 'a semmana 'e Pasca.
 
 

Gli articoli di “Napolitudine”
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments