a cura di Carlo Orlandi (Playerdue Lighting)


La manutenzione di base che dobbiamo effettuare consiste nel tenere le lenti pulite ed evitare che polvere o altri detriti vadano a posarsi sul sensore della macchina fotografica. Per prima cosa dobbiamo cercare di ridurre il più possibile il tempo in cui il dorso del nostro obiettivo e sopratutto l’interno del corpo macchina vengono esposti agli agenti esterni. Quindi dobbiamo tenere sempre i tappi sulle rispettive parti e nel momento in cui cambiamo obiettivo dobbiamo effettuare l’operazione nel minor tempo possibile in un ambiente possibilmente asciutto, senza vento o detriti e polvere. Quando l’interno del corpo macchina è scoperto bisogna tenerlo verso il basso, così la polvere non si poggia sul sensore ma sul dorso della macchina fotografica. Nel montare l’obiettivo allineiamo gli indicatori sulla baionetta del corpo macchina e sull’obiettivo e ruotiamo l’obiettivo fino a sentire il clic, che conferma l’aggancio.

Nella pulizia della lente frontale dell’obiettivo dobbiamo evitare di toccare il vetro con le dita o alitarvi, entrambi i metodi infatti possono peggiorare la situazione invece che aiutarci. Se proprio non abbiamo altro modo possiamo utilizzare i vestiti, ma se possibile anche questo è sconsigliabile, visto che i tessuti possono non essere adatti alla pulizia di lenti delicate e possono trasportare sporcizia o unto.

Gli accessori per pulire la macchina fotografica.

Per pulire l’obiettivo e avere i risultati migliori basta tenere nello zaino alcuni piccoli accessori. In questo articolo mostro modelli di esempio, ma possono variare molto come forma e dimensione tra le varie marche. L’accessorio più facile da reperire consiste in un panno per pulire gli occhiali, con questa possiamo rimuovere buona parte dello sporco sul nostro obiettivo. Con movimenti circolari partiamo dal centro della lente e ci spostiamo verso i bordi, così da portare la polvere che non viene raccolta dal tessuto verso l’esterno dell’obiettivo. Lo strumento migliore per togliere la polvere invece è una pompetta, anche in questo caso soffiando dal centro dell’obiettivo verso l’esterno riusciremo a togliere tutte le particelle che si posano sul vetro.

Pompette per togliere la polvere.

La pompetta può essere utilizzata anche per togliere la polvere dall’interno del corpo macchina, in questo caso dobbiamo far attenzione a non toccare nulla della meccanica della macchina fotografica con il beccuccio della pompetta e tenendo il corpo macchina verso il basso soffiamo all’interno un paio di volte. Se le setole sono abbastanza morbide possiamo utilizzare anche dei pennelli per rimuovere la polvere. Un accessorio che utilizzo molto per pulire l’obiettivo è la lenspen, si tratta di una penna che da un lato ha un pennello e dall’altro una punta con un sottile strato di carbone (che possiamo attivare ruotando il tappo) ideale per rimuovere l’unto dalle lenti. Dopo aver tolto la polvere con un pennello o una pompetta, partiamo dal centro e sempre con piccoli movimenti circolari puliamo l’intera superficie della lente. Per lo sporco più ostinato, come macchie secche sul vetro, dobbiamo utilizzare un liquido per la pulizia dell’obiettivo, cioè una sostanza a base alcolica che evapora velocemente. Assieme al liquido possiamo utilizzare una pezzetta o ancora meglio dei fogli di carta usa e getta per lenti. Prendiamo un foglietto, vi facciamo cadere qualche goccia di liquido e solo dopo aver tolto la polvere dall’obiettivo, passiamo il foglietto umidificato sempre con movimenti circolari sulla lente.

Inevitabilmente con il tempo la polvere o altri detriti entreranno nel corpo macchina e si poseranno sul sensore della nostra macchina fotografica. Piccole quantità di polvere e sporco sul sensore non si notano se si scatta utilizzando diaframmi aperti (quindi sfocando lo sfondo delle foto), ma quando si scattano paesaggi a f/11 possono iniziare a vedersi alcuni piccoli cerchietti scuri.

Il mio consiglio per chi è all’inizio è di evitare la pulizia del sensore se non è davvero necessaria, un piccolo errore in questa operazione può costare il funzionamento della vostra macchina fotografica. Nel caso che non si possa evitare, all’inizio consiglio di affidarsi a un centro di manutenzione autorizzato, sopratutto se la garanzia della macchina fotografica offre un qualche tipo di sconto su questo servizio.


Gli articoli di “Passione Fotografia”

[catlist name=passione-fotografia numberposts=1000]