a cura di Francesco Di Gregorio (Gruppo Presepe Artistico)


Villa San Giovanni in Tuscia, via dei casali 19, il presepe all 24 dicembre a mezzanotte come tradizione.

Il “Gruppo presepe artistico” di Villa San Giovanni in Tuscia,organizza ogni anno un poresepio a grandezza naturale.

Francesco Di Gregorio si occupa della scenografia, della parte artistica, dei volti dei personaggi modellati e dipinti a mano.

Gli effetti speciali sono realizzati da Andrea Giulianelli , creatore e ideatore all’epoca del presepe.


Da un articolo di Natale 2019 di Micaela Merlino su “lacittà.eu”

“Trenta personaggi a grandezza naturale, alcuni semoventi, animano suggestive scene di vita quotidiana in un Presepe davvero speciale”. Pochi giorni fa dopo la Messa di mezzanotte di Natale, a Villa San Giovanni in Tuscia è stato inaugurato e aperto al pubblico un originale Presepe Artistico, allestito all’interno di un locale vicino alla chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista.L’iniziativa è stata realizzata dal gruppo “Amici del Presepe”, che già lo aveva proposto alcuni anni fa con successo, e fa parte delle iniziative culturali promosse ed organizzate dall’Amministrazione Comunale di Villa San Giovanni in Tuscia in occasione delle Festività Natalizie, con il sostegno della Regione Lazio. La rappresentazione si articola in una serie di caratteristiche scene, che rievocano la vita quotidiana di Betlemme al tempo della nascita di Gesù. Con grande creatività e attenzione per i dettagli sono stati riprodotti, interamente in legno, parte degli interni di case e botteghe che si aprono lungo il percorso di una immaginaria strada. I protagonisti più spettacolari di tutto il Presepe sono i trenta personaggi a grandezza naturale, di gesso il corpo, di cera i visi dipinti con colori a tempera per dare maggiore naturalezza agli elementi fisionomici, tutti abbigliati con costumi d’epoca. Questi personaggi sono colti nel pieno delle loro attività artigianali, c’è il calzolaio, il falegname, le donne che cardano la lana, il fabbro e tanti altri. Sono le figure più rappresentative di quell’umanità che a Betlemme viveva umilmente, ma dignitosamente, grazie al proprio lavoro. Alcuni di questi personaggi sono addirittura semoventi, perciò compiono i gesti specifici della loro professione proprio come se fossero in carne ed ossa, per esempio il vasaio modella un vaso al tornio, l’arrotino affila gli arnesi di metallo, il pastore mescola il latte nel calderone collocato sul focolare. Ci sono anche i Re Magi riccamente abbigliati, che si apprestano a recare i preziosi doni a Gesù Bambino. Le scene accompagnano il visitatore e convergono tutte al centro della sala, dove all’interno di una caratteristica capanna è rappresentata la Natività, con Maria, Giuseppe, Gesù Bambino, il bue e l’asino. Inoltre la particolare cura con cui sono state disposte le fonti di luce, e le tenui musiche di sottofondo creano un’atmosfera d’insieme assai suggestiva, che invita al raccoglimento. Questo allestimento veramente unico è da ammirare con calma, ogni singola scena, ogni singolo personaggio devono essere guardati e gustati con attenzione. Il lavoro per la realizzazione del Presepe Artistico è stato molto impegnativo, perciò meritano di essere ricordati coloro che hanno messo a disposizione la loro passione, il loro tempo e la loro competenza: Francesco Di Gregorio, Andrea Giulianelli, Ettore Fabbri, Giuseppe Clementi, Mario Carlini, Domenico Olivieri, ed altri.




Le pagine di “Natale In…2021”

Lascia un commento