di Tiberio LaRocca


 Cagnétte le desctine de le munne,  
 na fredda notte de tant’énne fa
 menétte Criste n-cima a chescta terra,
 menétte a pertà pace, gna ze sa.
 
 
 Nascétte peverielle a na capanna,
 nascétte pe campà zenza peccate
 senza vesctite, gnè l’ulteme pezzénte,
 sole dall’anemèle arrescallate.
 
 
 Da culle iuorne tutte ze cagnétte,
 le munne nen fu cchiù gna era prima
 e pe trentènne iétte predecanne,
 iétte n-zegnènne a tutte la dettrina.
 
 
 Ienotte, ch’è la notte de Vegilia,
 arecherdamme culle bambenielle
 ianna a la messa, ecche vè Natale,
 de tutte l’anne, le iuorne ch’è cchiù bielle.
 
 

“Il dialetto è l’espressione, è l’anima di un popolo. Il dialetto connota una determinata comunità ed è l’elemento più autentico di differenziazione. 
La poesia racconta la millenaria storia della nascita di Gesù bambino e la devozione del nostro popolo; 
la messa della Vigilia ( cd. la messa de la notte de Natale) a Caccavone costituisce un momento importantissimo di devozione. 
Da sempre, la messa viene accompagnata da cantori del luogo e si conclude con il Canto della ““LA NINA NONNA a Gesù Bambino”

“LA NINA NONNA a Gesù Bambino”

Ahi dove amor ti spinge, o mio diletto! e come in questo fien trovi ricetto? Ma tu gemi: e già tu tremi
Di rigore! Ahi mio bambin Vieni e t’assonna;ti scalda nel mio seno, e fa la nonna. Mi guardi, e poi sospiri! Ah mio Signore,
intendo che vuoi dirmi; e freddo il core! M’al tuo sguardo già tutt’ardo, tutto avvampa ormai per te. Caro ti assonna;
riposa in questo core, e fa la nonna. Ai flagelli, alle spine, ed agli estremi! Tormenti pensi forse, e perciò tremi?
Ah! Bambino tenerino, alla croce non pensar. Per or ti assonna,sicuro in questo petto, e fa la nonna.
Non più temer di me. Qual fui non sono, se fia che ai falli miei rech’il perdono. Io t’imploro or che ti adoro
In tua culla o mio Gesù; quindi ti assonnaDolce bambino mio, fatti la nonna so che dormir non dei, se non nel seno!
D’un innocente o d’un pentito almeno. Son pentito, son contrito; già alla colpa io sento orror. Perciò ti assonna,
Caro bambin Gesù, fatti la nonna. Accetta il mio dolore, e quando oh Dio il sonno tuo fia dolce al pianto mio!
Mai lasciarti, sempre amarti ti prometto o mio Bambin!
Dunque ti assonna, chiudi le belle luci e fa la nonna.

Anonimo dell’800  


Le pagine di “Natale In…2021”

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments