di Tiberio La Rocca


VII Edizione del Premio Internazionale “Città del Galateo-Antonio De Ferrariis” 2020

SEZIONE B – POESIA IN DIALETTO

TITOLO OPERA: ACCA E DELORE

MOTTO: SEMPRE E SOLO POESIA

DIALETTO MOLISANO – DI POGGIO SANNITA (ISERNIA)


ACCA E DELORE

Allucca le mare,
addò chelle perzone
so trevata la fine
e so morte affecate

So ffenute le suonne,
le spranze e le voglie
sctènne sotte a le mare,
e nen ze sènde cchiù niente.

L’acca z’è mestecata,
che le lacreme e mò
culle mare n’è azzurre,
mò tè nuondre chelore.

Le delore chelora,
culle ticchie de mare
e te sembra c’allucca,
ma le viende ne nnè.

La chescienza è c’allucca,
la chescienza de chi
guorda iende che more,
e ze gira...e nen vede.

ACQUA E DOLORE

Urla il mare,
dove quelle persone
hanno trovato la fine,
e sono morte annegate.

Sono finiti i sogni,
le speranze e i desideri
sono sepolti nel mare,
e non si sente più niente.

L’acqua si è mescolata,
alle lacrime e adesso
quel mare non è più azzurro,
adesso ha un altro colore.

Il dolore colora,
quel pezzo di mare
e a te sembra di udire delle urla,
ma non è il vento.

È la coscienza che urla,
la coscienza di chi
guarda gente che muore,
e si gira...e non vede.

Gli articoli di “Tiberio La Rocca”
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments