a cura della Redazione “Il Postalista”

Le invio il documento in oggetto, del 194..?, cui sono state applicate due marche municipali una da 40c. ed una da probabilmente L 1, difettosa, più un esemplare da c. 30 della serie anglo-americana del 1943. Scusandomi del disturbo, sono a chiederle, come sia considerare l’uso come marca del 30 c.
La ringrazio anticipatamente

Zini Guglielmo


Buongiorno
il 28 luglio 1943 gli alleati pubblicavano a Palermo un avviso concernente tasse e imposte: al punto 2 veniva stabilito che “i contributi pagabili mediante marche da bollo potranno sino ad ulteriore avviso essere pagati anche con francobolli postali“.
Questo chiaramente per ovviare alla carenza di valori bollati sull’isola.

A quella data i francobolli AMGOT non erano ancora stati emessi, ma dopo la loro emissione furono ammessi di conseguenza all’uso fiscale senza ulteriori disposizioni aggiuntive.
L’uso fiscale di questo tipo di francobolli è ampio e diffuso a varie tipologie di documenti. Sono note anche diverse tipologie di affrancature mista con marche da bollo, francobolli della serie Imperiale e serie AMGOT.
cordiali saluti Samuel

p.s. la data del documento è 19.6.44

Articolo di Samuel Rimoldi


Il Postalista

Rivista on line di cultura filatelica e storico postale
Iscrizione Tribunale di Arezzo n. 1326/04 del 28 settembre 2004
Direttore responsabile: Roberto MONTICINI

info@ilpostalista.it


Gli articoli di “Storia Postale”

[catlist name=storia-postale numberposts=1000]