di Felice Nicotera

«Alle volte è dentro di noi qualcosa (che tu sai bene perché è la poesia) qualcosa di buio in cui si fa luminosa la vita: un pianto interno, una nostalgia gonfia di asciutte, pure lacrime».
Pier Paolo Pasolini


(1 Classificata al premio Internazionale di Poesia “C. Pavese”, Museo Scienze e tecnica di Milano nel 1984)   
Il componimento è dedicata al padre ammalato. Echi di dolci ricordi vissuti in un’infanzia felice ma cancellati inesorabilmente da un doloroso presente. E’ un giorno di festa e il suono di una chitarra risveglia le emozioni passate soffocate da una lacrima.     
 
 NATALE (dialetto napoletano)

 ‘Ncielo ‘na fascia ‘e luna..
 ‘Na putechella aperta…
 E nnuie ‘nnanz’’o vrasiero
 stevamo a pazzià…
 
 Che sfizio chella neve!
 E ‘a nuvena de’ zampogne?
 E ‘o cunto ‘e Biancaneve?
 Che m’arricordo a fa?..
 
 Cert’è c’’a menta toia
 malata (e so’ tre anne)
 chilli mumente ‘e core
 cchiù nun po’ suspirà…
 
 Ma ‘o trillo ‘e na chitarra
 te ‘mbriaca ancora ‘e vvene..
 E dint’all’uocchie veco
 ‘na lacrema spuntà… 
 
 
 
 
 NATALE  (italiano)
  
 Nel cielo un fascio di luna
 Una botteguccia aperta
 E noi davanti al braciere  
 eravamo intenti a scherzare
 
 Che bello quella neve!
 E la novena dei zampognari?
 E la favola di Biancaneve?
 Che mi ricordo a fare?
 
 Certamente la tua mente
 malata (da tre anni)
 quei momenti di cuore
 non può più rivivere….  
 
 Ma il trillo di una chitarra
 ti umbriaca ancora le vene  
 E dentro ai tuoi occhi
 vedo spuntare una lacrima….. 


Le creazioni letterarie di “Felice Nicotera”
5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments