a cura di “Treccani” – “Focus Junior” e “Pianeta bambini”


È la maschera tradizionale abruzzese, un contadino saggio proveniente da un ambiente semplice. Il suo nome è una descrizione dell’ospitalità della regione: “fra” vuol dire “frate” e “piglia” indicata “prendere”, tipica espressione utilizzata dal padrone di casa offrendo ristoro agli ospiti. Si racconta che riuscì ad ingannare anche il diavolo vendendogli l’anima per del cibo e riuscendo a stipulare un contratto che gliela restituisse. Ritornato dagli inferi, porta ancor in volto i segni della sua permanenza tra i dannati.


Gli articoli di “Le maschere e il Carnevale”

[catlist name=le-maschere-e-il-carnevale numberposts=1000]