di Tiberio La Rocca


Caccavone, Caccavone

I te veghe da lendane,
e me sende ‘m-biette a mme
ca me friccica le core,
ca mò te-ia arevedè.
Tu sctè ncima a culle colle,
che le sole che te vascia
so’ mmènute e so’ chendiènde
i so’ nate nchella casa.
Caccavone, Caccavone, 
i te scrive scta canzone,
te la scrive e sé pecchè, 
è le bène mia pe tte. 

        (Ritornello)
I te veghe da lendane,
e già sende dentr’a me
ne delore forte ‘mbiette,
me ne vaglie via da te.
Tu sctè ncima a culle colle,
che le sole che te vascia
so’ mmènute e so’ chendiènde
i so’ nate nchella casa.
Caccavone, Caccavone, 
i te lasse scta canzone
te la lasse e sé pecchè, 
è le bène mia pe  tte;           

(Ritornello)
Caccavone, Caccavone, 
i te lasse scta canzone
te la lasse e sé pecchè, 
è le bène e..chesse è.



Gli articoli di “Tiberio La Rocca”
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments