a cura dell’Associazione “Avvocato in famiglia”


AVETE DEI DIRITTI ! ECCO COSA DEVONO GARANTIRVI I SERVIZI SOCIALI

Questo documento vuole essere una  descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo possono e dovrebbero sempre garantirvi.  Il presente elenco è stato predisposto grazia al Comitato Etico Scientifico dell’associazione Avvocato in Famiglia.

Conservate e divulgate questo  piccolo vademecum per orientarsi nel complicato mondo dei servizi sociali

Vogliamo sottolineare che questa analisi non ha la pretesa di essere esaustiva, in quanto l’assistenza in Italia, pur avendo un comune denominatore a livello Nazionale,  si diversifica a livello Regionale e spesso anche locale tanto da delineare un modello che gli esperti chiamano di Wellfare municipale. Perchè se un Sindaco vuole può garantire questi servizi.

Il Comune è il vero protagonista, in forma singola o associata, dell’erogazione dei servizi sociali e costituisce senza dubbio la prima porta di accesso alla rete del sistema dei servizi sociosanitari. La legge italiana demanda quindi alla realtà locale la possibilità di progettare interventi diversificati, attraverso lo strumento programmatorio del Piano di Zona in cui si individuano priorità, si specificano gli interventi e si allocano le risorse locali e soprattutto quelle provenienti dal Fondo nazionale delle Politiche Sociali. Come è facile immaginare non esiste un Piano di Zona uguale all’altro, non solo in tutta Italia ma anche nella stessa Regione o ASL di appartenenza. Da ciò consegue che, fatti salvi gli interventi previsti e garantiti su scala nazionale , ogni Comune ha un ventaglio di offerte ed un regolamento per l’accesso a servizi ed agevolazioni diverso dall’altro.

Il Nostro personale consiglio è che vale sempre e comunque la pena prendere un appuntamento per un colloquio con l’assistente sociale del  Comune di residenza. Nessuno meglio di lui/lei  saprà darvi le giuste indicazioni su come muoversi nella rete dei servizi sociali.

Servizi offerti in modo trasversale a tutti

Regola di base: hanno diritto alle prestazioni dei Comuni i cittadini residenti iscritti all’anagrafe (di conseguenza per le persone non italiane occorre un regolare permesso di soggiorno)

Segretariato sociale professionale

Costituisce spesso il primo vero contatto che la persona ha con il servizio, si può definire come l’attività di ascolto competente delle istanze portate dal cittadino, finalizzata alla presa in carico della persona per garantire e facilitare unitarietà di accesso alla rete delle unità di offerta sociali. In uno o più colloqui si ottengono informazioni sui propri diritti, su quanto il Comune o i servizi sociosanitaricompetenti offrono. A seguito di ciò può avvenire l’attivazione di interventi specifici, l’invio ad altri servizi o una semplice breve consulenza sociale su come affrontare la situazione.

Contributi economici

Si può ottenere un aiuto economico quando ci si trova in uno stato di bisogno o si vive in una particolare condizione di fragilità (come ad esempio la perdita del lavoro o cassaintegrazione, famiglie monoreddito, malattia grave o invalidità, anziani soli, famiglie numerose…) Tali situazioni vengono definite nel regolamento comunale attraverso parametri economici (certificazione ISEE) e sociali e valutati dall’assistente sociale attraverso colloqui o altri interventi ritenuti caso per caso idonei dello stato di bisogno e progetto di intervento.

L’aiuto economico comunale (come già detto diverso da Comune a Comune) può tradursi in:

  • ·  Assegno fisso mensile per brevi periodi
  • ·  Buoni da spendere in supermercati convenzionati per generi alimentari
  • ·  Buoni per farmaci
  • ·  Assegni o buoni in occasione di un nuovo nato
  • ·  Pagamento utenze domestiche di prima necessità
  • ·  Pagamento di affitti
  • ·  Sostegno parziale o totale di rette di asilo nido e scuole dell’infanzia.  

Sono escluse le pensioni di invalidità, e l’indennità di accompagnamento e gli altri emolumenti che dipendono da una valutazione sanitaria (Commissione invalidi della ASL) e che vanno richieste attraverso apposita procedura attivata dal Medico di Medicina Generale.In alcuni casi il Comune è la porta di accesso per ottenere alcuni contributi regionali o statali, quali ad esempio

– l’assegno di maternità (per le donne che non lavorano e non hanno altra copertura previdenziale)

– l’assegno per le famiglie dal terzo figlio (importo variabile in base al valore dell’ISEE e ai componenti del nucleo)

Alloggi popolari

Attraverso il Comune è possibile avere accesso, dopo aver fatto apposita istanza, alla graduatoria e poi all’assegnazione di un alloggio popolare. I criteri di accesso variano da Regione a Regione, così come la disponibilità di alloggi dipende dal singolo Comune.

Area minori e giovani

Tra i servizi di questa area si possono ritrovare:

  • Centro educativo territoriale o CAG, spazi diurni ricreativi, educativi e culturali, oltre il tempo scuola, diversificati per piccoli e grandi con finalità di prevenzione al disagio primaria o secondaria, di solito si tratta di servizi gratuiti.
  • doposcuola o sostegno nei compiti,di solito si tratta di servizi gratuiti;
  •  educativa domiciliare minori, attività a favore del singolo bambino e della sua famiglia, con funzioni di sostegno didattico, sociale, pedagogico ed educativo di prevenzione al disagio o di supporto in situazioni difficili. Di solito è un servizio gratuito o erogato attraverso voucher.
  • centri estivi, in copertura delle vacanze estive scolastiche. Di solito è un servizio a pagamento, in base al reddito.
  • educativa di strada, servizio di prevenzione al disagio giovanile. 
  • servizi Informagiovani, per l’orientamento, la ricerca del lavoro o di opportunità didattiche, culturali e ricreative.
  • inserimento in comunità per minori, in comunità mamma/bambino, affido familiare in situazioni specifiche e su mandato dell’autorità giudiziaria.

Area Anziani

Tra i servizi di questa area si possono ritrovare:

  • SAD (servizio di assistenza domiciliare), si concretizza in programmi individualizzati di sostegno alla domiciliarità dell’anziano, tramite l’invio di un ausiliaria a casa per prestazioni socioassistenziali (non sanitarie: le prestazioni infermieristiche o riabilitative dipendono dalla ASL). Le prestazioni hanno uncosto orario in base al reddito e possono essere anche gratuite o date attraverso dei voucher.
  • Centri diurni, per stimolare la socializzazione e il mantenimento delle autonomie, alcuni sono anche integrati, con prestazioni sanitarie. La retta di frequenza varia in base all’ente gestore e il Comune può intervenire in modo parziale o totale per il pagamento della stessa.
  • RSA, dette nel gergo corrente “case di riposo”, ricoveri a lungodegenza delle persone non autosufficienti. La retta di frequenza varia in base all’ente gestore e il Comune può intervenire in modo parziale o totale per il pagamento della stessa.
  • servizi di intermediazione del lavoro di cura (Albo badanti o assistenti famigliari), offrono consulenza e supporto nel trovare un lavoratore qualificato per compiti di assistenza o lavoro domestico.
  • ginnastica anziani
  • vacanze climatiche
  • Area Disabili
  •  SAD (servizio di assistenza domiciliare), come per gli anziani
  • Centri Diurni per Disabili, per stimolare la socializzazione e il mantenimento delle autonomie. La retta di frequenza varia in base all’ente gestore e il Comune può intervenire in modo parziale o totale per il pagamento della stessa.
  • Residenze per Disabili o Comunità alloggio, a seconda del livello di autonomia della persona. La retta di frequenza varia in base all’ente gestore e il Comune può intervenire in modo parziale o totale per il pagamento della stessa.
  • Servizi di inserimento lavorativo per soggetti svantaggiati, soprattutto invalidi ma non solo (rientrano anche i soggetti fragili tra cui ex detenuti, ex tossicodipendenti o alcolisti…), in cui si effettua una mediazione per l’inserimento lavorativo, attraverso tirocini, borse lavoro o assunzioni nelle aziende che per legge riservano quote agli invalidi.

Servizi per la tutela delle persone interdette o inabilitate o con Amministratore di sostegno;

Area stranieri

  • Sportelli di consulenza e supporto alle pratiche necessarie per il permesso di soggiorno e all’orientamento nei servizi
  • Area Marginalità
  • gestione diretta o invio presso Centri di prima accoglienza per persone senza fissa dimora, dormitori, servizi di bassa soglia quali mense o docce pubbliche.
  • Volontariato e servizio civile volontario
  • Attività di promozione, consulenza e supporto alle associazioni di volontariato locali, secondo il principio di sussidiarietà, e di progetti di servizio civile volontario.
  • Problematiche come la malattia mentale, le dipendenze, il disagio psicologico in ogni età, crisi di coppia o famigliari sono di competenza primaria dei servizi sociosanitari delle ASL o delle Aziende Ospedaliere.

Essendoci spesso anche dei risvolti di natura socioassistenziale, si imposta un il lavoro di rete tra Comune e servizio specialistico.

Leggi e approfondimenti – Legge Quadro 328/00

Volete maggiori informazioni?

  • Mail – info@avvocatoinfamiglia.com
  • Numero verde (09:00-12:00- 15:00-17:00) – 800 134 008
  • WhatsApp (orario continuato) – 3388310374

Gli articoli di “Avvocato in famiglia”


0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments