CONTROLLARE IL BOLLO AUTO PER EVITARE LE CARTELLE ESATTORIALI

a cura dell’Associazione “Avvocato in famiglia”

Controllare bollo auto online

Se abitate in una di queste regioni: Marche, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta è possibile controllare la regolarità dei pagamenti semplicemente andando sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Qualora non abitiate in un una di queste regioni è possibile controllare il bollo auto accedendo al database del sito dell’ACI ma solo se il bollo è scaduto da non più di 12 mesi. Altrimenti dovete recarvi in una delle agenzie preposte al controllo delle pratiche automobilistiche.

Come sapere se abbiamo pagato il bollo?

Prima di tutto specifichiamo che dobbiamo pagare il bollo auto a prescindere dal fatto che il veicolo circoli o no. È una tassa di proprietà non una tassa di circolazione.

  • Dobbiamo pagare il bollo auto ogni anno entro il mese di immatricolazione. Se la data è compresa negli ultimi 10 giorni del mese la scadenza viene rinviata all’ultimo giorno del mese seguente.
  • Per sapere se avete pagato il bollo attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate dovete andare sul loro sito, in fondo alla home page c’è la voce “Servizi” e successivamente “Vedi tutti i servizi”. Selezionate la voce “Pagamenti” e troverete “Controllo pagamenti effettuati tasse automobilistiche”. L’ultimo passo sarà cliccare su “Accedi al servizio” e seguire le istruzioni inserendo la regione di residenza, la categoria del veicolo, la targa e l’anno di pagamento. Come già accennato il servizio è disponibile solo per alcune regioni (Marche, Fruili Venezia giulia, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta).
  • Se volete sapere se avete pagato il bollo auto attraverso il sito dell’ACI cliccate su “Servizi” sulla home page e poi andate su “Guide utili”. Apparirà “Guida al bollo auto”, dovrete selezionare la regione di residenza e infine cliccare su “Calcolo bollo auto”.

Fate molta attenzione a controllare i pagamenti del bollo auto, una dimenticanza può sfociare in una cartella esattoriale dai costi molto onerosi.



Gli articoli di “Avvocato in famiglia”
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments