Giulia Marchetti incontra Giulio Della Rocca

Americano di adozione con il cuore saldo nelle Tuscia

Giulio Della Rocca è un personaggio assai noto a Viterbo, e seppure risiede stabilmente a Santa Monica (Los Angeles) da oltre trenta anni, la sua presenza nella città di origine è straordinariamente attiva e fattiva anche quando si trova oltreoceano. Passeggiare con Giulio per le vie del centro di Viterbo significa fermarsi ogni due passi per salutare ogni suo conoscente che immancabilmente lo trattiene con discorsi di vario genere. Frizzante, spumeggiante, Giulio non disdegna alcun passante e alcun argomento, dando ampio spazio al suo interlocutore. È il suo modo per ascoltare Viterbo e registrare tutte quelle voci che si levano per osannare le sue bellezze ma anche per denunciare le sue criticità.

Giulio Della Rocca concorrerà per la carica di sindaco alle prossime elezioni amministrative, e tastare il polso della città mediante un contatto diretto con chi la vive quotidianamente è sicuramente un’azione preparatoria di tutto rispetto per assolvere con successo ad un possibile futuro mandato.

Giulio potrebbe inoltre essere definito “l’uomo del fare”, tanto è il suo impegno e contributo per organizzare eventi e attività di vario genere che mettono in rete enti, organizzazioni, imprenditori privati, liberi professionisti, artigiani, artisti, e così via, con lo scopo principale di accendere i riflettori sulla nostra bella Tuscia.

Ricchezze storico-artistiche, paesaggistiche ed eno-gastronomiche riassunte nel brand della Tuscia che è ancora poco conosciuto nel mondo ma che presto potrebbe diventare garanzia di qualità per una destinazione turistica d’eccellenza.

“Questa è la mia Città e la tengo stretta al cuore” è il motto di Giulio Della Rocca che accompagna la sua annuale iniziativa chiamata Via degli Artisti, una rassegna espositiva di arte, artigianato, teatro, letteratura e musica, e ambientata nel meraviglioso scenario delle piazze e vie del centro.

Autore del libro Michelangelo e la Bella Galliana, il segreto dei Farnese, ha in cantiere anche un film su tratto dall’omonimo libro. A proposito, se sei mora, carismatica ed etrusca, potresti essere tu Galliana, protagonista del film. Sono aperte le audizioni 

Intervista

Ho avuto il piacere di intervistare Giulio Della Rocca questa estate per un mio progetto destinato agli Stati Uniti, e ancora in corso, chiamato “La Tuscia Vissuta Dagli Americani“. Nelle nostra piacevole intervista, rigorosamente in inglese, Giulio racconta alcuni aspetti della cultura statunitense e dà la sua visione della Tuscia che, a suo parere, dovrebbe essere rivalutata dagli americani, soprattutto in rapporto alla famosa Toscana.

L’intervista è una trascrizione fedele del nostro parlato.

Buona lettura!

Chi è Giulio Della Rocca?

Come molte persone in Italia, anche io posso essere molte cose. Posso essere un professore di matematica, un pazzo con la bici che si aggira per le vie del centro storico di Viterbo, un amante dell’arte, un buon amico… ma non voglio dire solo cose carine, giusto? Sono anche mattacchione, un po’ imprevedibile. Insomma, sono un po’ di tutto e credo che non riguarda solo me, ma è la tendenza tipica di tutti noi che viviamo in questa parte del mondo… possiamo essere tante cose. Questo è quello che credo.

Sei andato a vivere negli Stati Uniti nel 1991. Come mai sei finito lì?

Non è stato niente di straordinario, nel senso che ho studiato matematica all’Università La Sapienza di Roma, mi sono laureato in Italia e poi sono andato per il dottorato di ricerca in America. Non è niente di speciale a voler essere onesti. È comunque stato divertente, fantastico, stimolante. Il passo successivo durante la mia permanenza è stato ammirare il livello della popolazione, perché l’America, e intendo gli Stati Uniti, sono decisamente un livello avanti a noi. È stato fantastico, ad essere sincero mi sono divertito moltissimo.

Ho capito che il fatto che la storia americana non sia profonda come la nostra è da un lato un male ma anche un bene. È un bene perché gli americani sono un po’ più flessibili, più avventurosi, e hanno quella capacità di adattarsi che a noi manca. Come popolazione noi siamo un po’ lenti, però allo stesso tempo abbiamo una profonda connessione con il nostro patrimonio culturale, la nostra arte, la nostra storia e la nostra tradizione. Una cosa, solo per fare un esempio: in Italia ovunque tu vada c’è una sagra (festa culinaria) di qualcosa. In America, ovviamente, non ci sono sagre, giusto? Per non parlare di altre tradizioni come la Macchina di Santa Rosa che vanta centinaia di anni. Ma sicuramente gli Stati Uniti e gli americani hanno un talento incredibile. Per me e sono così intelligenti che non devono avere tutto, e importano solo il meglio di tutto … sono fantastici!

Cosa significa vivere la tua vita tra gli USA e l’Italia?

Beh, penso di essere la persona più fortunata del mondo. Posso vivere in America che è ancora la terra delle opportunità, posso lavorare sodo, posso fare 5 lavori e posso creare il mio futuro e quello di mia figlia. Posso venire in Italia dove tutti sono miei amici e posso andare d’accordo con tutti, è fantastico! E altro aspetto bellissimo è che ora, mentre parliamo, siamo seduti accanto a un edificio che ha oltre settecento anni. Quello che sto cercando di dire è che se hai l’opportunità di vivere con un piede in Italia e un piede negli Stati Uniti puoi davvero ottenere il meglio da entrambi i mondi, e questo è fantastico. Letteralmente fantastico!

Quindi incoraggio decisamente ogni americano a venire qui e potenzialmente anche a comprare un piccolo appartamento o qualcosa del genere. Per essere molto pratici, almeno in California, una casa costa da 1,3 a 1,8 a 2,1 milioni di dollari. Qui un bell’appartamento, che potenzialmente ha cinque / settecento anni, potrebbe costare 80.000 dollari, cioè non voglio esagerare, ma forse come pochi mesi di stipendio di un americano. Quindi credo che nel momento in cui gli americani scopriranno Viterbo in particolare, verranno in quantità perché è davvero un buon affare, il cibo è il migliore, le persone sono assolutamente amichevoli e divertenti, e ogni giorno potrebbe essere un’esplorazione e una nuova scoperta. La Tuscia è una costellazione di gemme preziose, come Civita di Bagnoregio, Caprarola, Bomarzo e posso andare avanti e avanti. È davvero incantevole, è un posto fantastico!

Gli americani conoscono molto bene la Toscana e la amano. Allo stesso tempo possiamo dire che la Tuscia è una specie di bassa Toscana. Però la Toscana è un mito negli USA mentre gli americani quasi ignorano la zona della Tuscia che è invece altrettanto abbordabile. Inoltre, la Tuscia è sicuramente economicamente più abbordabile. Cosa ne pensi del rapporto tra Toscana e Tuscia? Quali sono le principali differenze? E possiamo dire che questa zona non ha la notorietà che merita perché la Toscana in qualche modo crea una sorta di ombra?

Due aspetti devono essere sempre considerati quando si parla di questa cosa:

1) la culla del Rinascimento è in Toscana. A quel tempo c’era un gruppo di persone che erano incredibilmente intelligenti, geniali, erano avanti rispetto a tutto il resto del mondo. Quindi, per molti versi, la Toscana sta ancora vivendo l’onda lunga di quel periodo incredibile.

2) In secondo luogo, la Toscana è dotata su molti aspetti, e nei primi anni ’90, se non sbaglio, c’è stato un film molto bello Sotto il sole della Toscana che ha catturato l’immaginazione di generazioni. Quindi, il giorno prima dell’uscita di quel film un casale, cioè una casa rurale in Toscana, era forse, diciamo con il valore di oggi, 200.000 Euro. Il giorno dopo quel film il suo prezzo è raddoppiato a 400.000 Euro. La Toscana risente ancora quell’onda lunga.

Gli americani amano la Toscana. Se dici Toscana tutti sanno di cosa parli. Dici vino toscano e la gente inizia a sognare, non è così? Ora è vero che la Toscana è una regione bellissima ma direi che, come hai detto tu, il paesaggio è molto simile.

Per quanto riguarda la Tuscia, era territorio di San Pietro, e il Papa nei secoli ha donato un pezzetto di questa zona a chi poteva gestirla. Cosa significa? Significa che molte potenti famiglie hanno iniziato a costruire castelli e sontuosi palazzi lasciandoci un patrimonio inestimabile. Uno su tutti è il Palazzo Farnese a Caprarola. E’ mozzafiato. Una guida turistica ha detto che è andata 150 volte e 150 volte ha avuto questo momento di Ah !!! La sindrome di Stendhal. È davvero incredibile, vero? E poi il Parco dei Mostri, il Castello Ruspoli, Villa Lante, Palazzo Doria Pamphilj, e così via.

Quindi, direi che è meglio venire nella Tuscia, che come hai detto tu è più economicamente abbordabile, e poi andare a Roma in un’ora, e magari anche in Toscana in due ore.

Allora mi stai dicendo che il miglior consiglio è di venire nella Tuscia e poi visitare anche Roma e la Toscana che sono così vicine. La Toscana è assolutamente meravigliosa, ma è molto più probabile incontrare gruppi di turisti che rendono l’offerta molto meno genuina. La Tuscia è genuina e incontaminata dal grande turismo e anche per questo i prezzi sono più abbordabili e la vita è più italiana. Qui puoi davvero goderti il ​​vero stile di vita italiano. Che ne pensi?

Per quanto anche noi vorremmo avere tanti turisti americani, o americani che si trasferiscono a vivere nella Tuscia, possiamo però dire che in questo momento siamo incredibilmente attraenti proprio perché siamo di gran lunga “il segreto meglio custodito al mondo”. Voglio dire, siamo davvero fantastici, ma nessuno lo sa ancora. Ti faccio un esempio, se io e te ci sforziamo molto probabilmente potremmo nominare due o tre ristoranti che sono fondamentalmente o esclusivamente per turisti, mentre tutti gli altri no. In Toscana è esattamente l’opposto. Sono fantastici, ma noi siamo migliori! 

In termini di connessioni umane, cosa pensi delle persone che vengono nella Tuscia o che si trasferiscono qui, in particolare degli americani? Che tipo di relazione possono avere con la gente del posto? Cosa ne pensi?

Tutti i miei amici americani, tutti letteralmente, sono venuti in Italia ad un certo punto della loro vita. Qualcuno è venuto più volte, qualcuno viene ogni anno. Tutti loro, al 100%, non parlano di Colosseo, Firenze o altro, ma parlano del rapporto che hanno vissuto con la gente del posto. Ad esempio, parlano di mamma e papà, proprietari del ristorante dove sono andati a cena, e che hanno offerto loro il Limoncello o qualche altro liquore fatto in casa, cercando di coinvolgerli in una simpatica conversazione gestuale. Gli americani sono ipnotizzati al punto che decidono di rimanere più a lungo in quel posto per tornare in quel ristorante. Quindi, in ogni senso, gli americani adorano questa connessione umana che noi, gente del posto, riusciamo a creare. Non è che fingiamo perché vogliamo accontentare il cliente, ma siamo proprio così e gli americani lo adorano.

Possiamo dire che anche le persone del posto hanno delle belle esperienze quando hanno la possibilità di incontrare americani e che talvolta può essere visto come un evento? È anche un buon modo per scoprire la cultura americana cercando di cogliere qualcosa semplicemente stando insieme. Arricchisce davvero anche la gente del posto. Possiamo dire che anche questa è una questione di connessioni umane?

Ora, non voglio sembrare troppo divertente, ma quando gli americani vengono qui è facile per loro incontrare qualcuno che vorrebbe parlare inglese con loro. Ma l’idea buffa è che dopo un po’gli italiani dicono: “Ti dispiace se parlo italiano?”.

Questo è un altro problema italiano, dobbiamo dirlo, dobbiamo essere onesti. Non siamo così abili con le lingue. Amiamo così tanto l’italiano che siamo pigri nell’imparare l’inglese. Questo è il problema, non è così?

È vero, ma devo dire che gli americani amano il suono della lingua italiana, e lo stesso vale per gli italiani verso la lingua inglese. Ad esempio, in questo momento stiamo parlando inglese e possiamo notare che i passanti sono incuriositi e affascinati dal nostro parlare. Forse è il suono, la musicalità, ma l’inglese è davvero attraente per gli italiani.

Grazie mille, Giulio

Grazie a te…


Gli articoli di “Tesori della Tuscia”

5 2 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments