di Felice Nicotera


SE SFRAVECA di Salvatore Di Giacomo

Sul famoso sventramento di Napoli, voluto dal ministro Depretis, il grande poeta Salvatore Di Giacomo scrisse sfiziosi articoli-bozzetti, da cui è tratto il seguente brano:

E se venne tutto a rott’’e cuollo. Se venne a scalella a corocò ‘e nu speziale manuale, appuiata nfaccia a nu muro; se venneno ‘e perziane verde ‘e na mudista; mbruoglie, botteglie vecchie, nu murtale scassato e nu pesature inutele d’’o farmacista; se venneno lastre, tavule ‘e liette e scanne d’’o cincuciento.

Povero barcunciello d’’o primmo piano d’’a casa ‘e Peppenella Seccia! Vide llà! Chella nce aveva mise n’anno pe fa cumiglià ‘e fierre d’ellera arrampicanda e mo’ nu fravecatore le sta sceppanno tutta l’evera!

Ah! Fora a chillo barcunciello quanta pazzie, quanta cenulelle ‘e pastecrisciute e tittele e veppetelle ‘asprinia, dint’o mese ‘e Luglio!

E quanta serenate s’ha ntise a llà fora chella povera Peppenella! Nun ne parlammo. Vedite llà, mò le stanno rumpenno tutte cosa! A vuie e ‘e strate nove che vulite fa!


Gli articoli di “Napolitudine”

Lascia un commento