a cura di Luciana Gennari


Gli accertamenti per le pensioni di reversibilità e le valutazioni di inabilità al lavoro sono di competenza unica INPS.
Nel pubblico impiego, le funzioni svolte dalle commissioni mediche di verifica, per le domande di accertamento sanitario, sono oggi gestite dall’INPS.

Sono ricomprese anche le funzioni in precedenza svolte dalle Commissioni mediche di verifica del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

A disposizione di amministrazioni, enti e datori di lavoro, c’è uno specifico servizio online per la presentazione delle domande di accertamento sanitario dei dipendenti pubblici.

Trattamenti di inabilità e reversibilità

Visite mediche fiscali: esiti ispezioni INPS onlineL’INPS gestisce le funzioni di accertamento e valutazione delle condizioni di inabilità e di inidoneità al lavoro nei confronti del personale civile delle amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo, degli enti pubblici non economici e degli enti locali.

Si occupa anche degli accertamenti medico-legali nei confronti dei familiari superstiti dei dipendenti aventi titolo alla pensione indiretta o di reversibilità.

Per i lavoratori della PA, le richieste di accertamento sanitario e medico-legale devono essere presentate da enti, amministrazioni pubbliche e datori di lavoro il cui personale è rimasto iscritto alla Gestione esclusiva o al Fondo Quiescenza Poste.

Gli accertamenti INPS sui lavoratori della PA

Devono essere presentate all’INPS, le richieste di accertamento sanitario di idoneità, inidoneità e inabilità lavorativa, comprese quelle:

  • nei confronti dei familiari superstiti, con titolo a pensione indiretta o di reversibilità;
  • per la concessione dell’equo indennizzo e del rimborso spese di degenza per infermità per causa di servizio, in favore del personale della Polizia locale.

Devono infine essere presentate anche le richieste di accertamento medico-legale nei confronti di:

  • cittadini che hanno diritto ai benefici in materia di pensioni di guerra:
    • dirette;
    • indirette;
    • di reversibilità;
    • assegni accessori;
  • familiari superstiti che hanno titolo al trattamento di reversibilità dell’Assegno vitalizio concesso agli ex deportati nei campi di sterminio nazista KZ;
  • familiari superstiti che hanno titolo al trattamento di reversibilità dell’Assegno di benemerenza concesso ai perseguitati politici antifascisti e razziali;
  • familiari superstiti che hanno diritto al trattamento di reversibilità degli Assegni annessi alle decorazioni al valore militare.

Fonte : https://www.pmi.it – di Teresa Barone – 12 Aprile 2024


Luciana Gennari

Nata a Roma il 7 febbraio 1953Vive a Roma

Persona con Disabilità per Ischemia cerebrale. Mamma di tre ragazzi. Raffaello: il figlio dell’amore, il figlio del desiderio e il figlio della scelta. Simone il figlio del desiderio ha una gravissima disabilità dalla nascita. Francesco il figlio della scelta, di anni 30, con patologia schizofrenica (malattia invisibile), morto il 26 novembre 2021. Già Presidente della Consulta per i Diritti delle Persone con Disabilità – Municipio IX ROMA EUR – Comune di Roma, dalla sua istituzione nel 1999 ad oggi, fino alla morte del proprio figlio. In questa Rubrica si potrà parlare di disabilità motoria, sensoriale, intellettiva e mentale, perché farlo dà la possibilità a chi ci circonda di confrontarci ed aiutarci. Sarà un impegno prezioso per un gesto di servizio e di solidarietà autentica.

Email: luciana.gennari53@gmail.com

Cell: +39 3358031152