di Buty (Marcuccio Butiniello)


'NA VIA ANTICA

“Regina viarum”,
da Porta Capena sorta fòra,
“Saluta” ‘e catacomme e s'allontana.
È 'na lunga via fatta a lastroni
'ndove Roma marciò co ‘e leggioni.

È fatta così bene 
che, nemmanco er teramoto
cià mai messo mano.
  Cià 'n'istoria antica e de gran vanto
anche si pe “Tanti”,
je fu dimora come camposanto.

Lungo li bordi, resti de capitelli, 
monumenti e tombe
e quela de “Metella” è la più granne.
Così, “L'Appia”, da l’Urbe”,
tra ville pini e ponti,
continua la su' “Marcia” senza tempo;

E quanno ch'ariva a Capua, llì,
“Se ferma pe ripija fiato”
poi, passo passo,
se ne scegne giù 
e ariva ar “Tacco!”.

Butiniello nato a Poggio Sannita il 10/09/1950 ,nome d’arte “Buty”, ha da sempre avuto una speciale predilezione per la poesia, inizialmente da semplice lettore, in seguito cimentandosi nello scrivere rime soprattutto in romanesco (sua lingua di adozione) con lo sguardo puntato preferibilmente sulla realtà quotidiana, analizzando gli aspetti più crudi della società, sottolineandone ingiustizie, ambiguità e paradossi, con escursioni satiriche prendendo di mira i potenti e il mondo politico in generale.

” io non sono poeta e nemmeno sono scrittore, racconto solo quello che mi detta il cuore, come ho scritto in una delle mie composizioni “