di Felice Nicotera


Siamo nel mese di marzo e non può mancare questa poesia del più grande poeta napoletano, conosciuto in tutto il mondo anche per le celebri canzoni.

 Marzo: nu poco chiove
 e n’ato ppoco stracqua:
 torna a chiovere, schiove,
 ride ’o sole cu ll’acqua.
 Mo nu cielo celeste,
 mo n’aria cupa e nera:
 mo d’ ’o vierno ’e tempeste,
 mo n’aria ’e primmavera.
 N’auciello freddigliuso
 aspetta ch’esce ’o sole:
 ncopp’ ’o tturreno nfuso
 suspirano ’e vviole…
 Catarì!… Che buo’ cchiù?
 Ntienneme, core mio!
 Marzo, tu ’o ssaie, si’ tu,
 e st’auciello songo io. 

Gli articoli di “Napolitudine”