di Buty (Marcuccio Butiniello)


L'EVENTO

‘Na sera sur barcone,
guardanno er cuppolone
m’addimanno:
«Chi è quel’inventore
ch’ha messo tante
stelle ar posto loro?
Chi è quel’architetto
de ’n zimile proggetto
si così perfetto
da nu’ ciavé 'n difetto? ».
Se disce che l’evento,
sia partito su
da ”Quel’Eterno”
che, stanco da stà solo,
ha preso e ha creato puro a nnoi.
Ma quanno viè
‘a fine de sto monno,
dovemio annà da ”Lui “
a renne conto.
Così, cor mammatrone,
me chiedo si a sto monno
sce sò stato bono
e si me sò distratto?
Bèh!, speramio d’èsse assorto
pe nun avé commesso ‘r fatto!.

Butiniello nato a Poggio Sannita il 10/09/1950 ,nome d’arte “Buty”, ha da sempre avuto una speciale predilezione per la poesia, inizialmente da semplice lettore, in seguito cimentandosi nello scrivere rime soprattutto in romanesco (sua lingua di adozione) con lo sguardo puntato preferibilmente sulla realtà quotidiana, analizzando gli aspetti più crudi della società, sottolineandone ingiustizie, ambiguità e paradossi, con escursioni satiriche prendendo di mira i potenti e il mondo politico in generale.

” io non sono poeta e nemmeno sono scrittore, racconto solo quello che mi detta il cuore, come ho scritto in una delle mie composizioni “