a cura del Dr. Claudio Pagliara – Oncologo, esperto di Medicina Olistica


Ti è mai capitato di uscire di casa sereno ed energico e di incontrare un conoscente o un amico che ti provoca un repentino cambio d’umore o sensazioni negative?

O di avere un progetto, un obiettivo a cui tieni moltissimo ma, allo stesso tempo, di sentire la tua sicurezza vacillare a causa della scarsa fiducia che percepisci da chi ti circonda?

Queste persone vengono definite vampiri energetici o ladri di sogni… Si tratta semplicemente di etichette che, per la verità, non mi piacciono per niente.

Queste persone non sono sempre consapevoli del loro ruolo e non sono nemmeno cattive, anzi, spesso sono all’interno della famiglia o tra gli amici.

Diciamo che si tratta di individui che, per vari motivi, hanno bisogno della nostra energia e della nostra luce per sopravvivere, incapaci di farlo contando solo sulla propria.

Possono essere molto fragili e bisognose di attenzione costante, o al contrario, sono esuberanti tanto da travolgere tutto e tutti senza preoccuparsi dell’effetto che hanno sugli altri.

I neuroni specchio

In ogni caso, oltre a provocarci un disagio momentaneo, giorno dopo giorno, possono causarci grande stress e angoscia, minando la fiducia in noi stessi e addirittura la nostra salute!

Negli anno ’90, il Prof. Giacomo Rizzolatti ha condotto una serie di interessanti studi sui processi cerebrali approdando alla fantastica scoperta dei neuroni specchio.

Il Professore e la sua equipe hanno scoperto che:

“Per il cervello, fare qualcosa o osservare qualcuno che la fa è la stessa identica cosa, si attivano gli stessi neuroni.”

Questa scoperta ha dato il via a ricerche volte a trovare una spiegazione scientifica e razionale del perché tendiamo ad assumere molto facilmente idee e comportamenti delle persone che ci circondano.

Gli esperimenti, infatti, hanno dimostrato che attraverso i neuroni specchio e la ripetizione, le persone che frequentiamo possono, indirettamente, programmare la nostra mente!

interferenze cotruttive o distruttive

Le interferenze costruttive o distruttive

Si dice che assomigliamo alle 5 persone che frequentiamo maggiormente… per cui, sarai d’accordo con me quando dico che frequentare persone che non ti fanno stare bene potrebbe trasformarti in tutto ciò che non ti piace.

Esistono, infatti, fondamentalmente, due tipi di interferenze tra sistemi e, quindi, anche tra persone:

  • le interferenze costruttive: hai presente quando con una persona tutto fluisce senza la minima tensione? Quando insieme a questa persona ogni problema trova una soluzione?
  • le Interferenze distruttive: quei casi in cui senti che il dialogo, le energie, la relazione non fluiscono, non ci si sente a proprio agio.

In questi casi potrai verificare che ad ogni soluzione subentra un problema.

Potrai dedurre tu stesso/a che se vuoi vivere una vita felice dovrai relazionarti con persone per te positive, con cui senti che si creano interferenze costruttive, con le quali ti senti a tuo agio; che ti stimano ed apprezzano, che ti sostengono e appoggiano senza rubare la tua energia.

L’esercizio per dare ascolto alle tue sensazioni

Per aiutarti a individuare le persone “migliori” di cui circondarti, prova a fare questo semplice esercizio.

Scegli 5 persone con cui ti relazioni e, mentre sei con loro, prova a farti le seguenti domande:

  • Come mi sento in questo momento?
  • Ho sensazioni di rabbia, imbarazzo, tensione, paura, angoscia, ecc.?
  • Vorrei essere in un altro posto?
  • Sento che questa persona ha potere su di me?
  • Cosa dovrebbe accadere per sentirmi a mio agio?

Se le sensazioni che hai non ti rimandano a serenità e tranquillità, ripeti dentro di te questa frase:

“Io vado bene e tu vai bene, sono calmo/a e rilassato/a e vivo bene questa situazione“.

Se, poi, questa relazione si protrae con queste dinamiche, beh, sai cosa devi fare se vuoi preservare la tua energia, il tuo benessere e i tuoi sogni!

Ci sono persone con cui perdi tempo, e persone con cui perdi il senso del tempo è solo questione di scelta.

Articolo a cura di Natale Petti


Profilo del Dr. Claudio Pagliara

Claudio  Pagliara  nasce il 16 Agosto del 1952 a San Vito dei Normanni, piccola cittadina della provincia di Brindisi, dove attualmente vive e svolge l’attività di medico di medicina generale e di specialista in Oncologia. Avendo la passione per la medicina si impegna con entusiasmo e determinazione negli studi. Impara molto sui banchi di scuola e soprattutto  dell’Università di Bologna, dove si laurea nel 1978 con 110 e lode, dopo aver superato tutti gli esami, ad eccezione di uno, con il massimo dei voti. Ancora studente cura insieme alla dott.ssa Montanari Nicoletta, nel 1977, il primo libro scientifico in Italia sulla  “Tossicità dei farmaci” edito dalla CLUEB (Cooperativa Libraria Universitaria Editrice di Bologna) che ha avuto notevole successo. Infatti è stato più volte ristampato e usato in diverse Facoltà di Medicina e Chirurgia. E’ stato, in qualità di oncologo, Consulente tecnico d’Ufficio del Tribunale di Brindisi. Presidente del L’ARCA (Associazione di Assistenza e di Ricerca sul Cancro) ha assistito gratuitamente centinaia di pazienti con tumore in fase terminale.

Ha effettuato numerose pubblicazioni scientifiche, è stato relatore in un gran numero di convegni scientifici ed ha svolto diverse docenze. Ha svolto, come “mmg” (medico di medicina generale) autorizzato a condurre sperimentazioni cliniche, attività di ricerca, in uno studio multicentrico, dal titolo “Rischio&Prevenzione”, della durata di 5 anni, per l’Istituto Mario Negri . I risultati sono stati pubblicati anche su una delle più prestigiose e autorevoli riviste medico-scientifiche come il il New England Journal of Medicine. Ha svolto attività di ricerca con La Fondazione Europea di Oncologia e Scienze Ambientali “B. Ramazzini”, finalizzata alla realizzazione di alcuni registri tumori. E’ stato, inoltre, componente del Comitato Scientifico Nazionale della Legambiente, capo scout, medico volontario in Kenia e medico volontario presso una comunità per tossicodipendenti : La ComunitàEmmanuel. Ha istituito, in collaborazione con la Fondazione Europea di Oncologia di Bologna, il Gruppo Oncologico dell’Italia Meridionale ed altri, il Registro Tumori del Comune di San Vito dei Normanni dal 1960 e del Comune di Brindisi dal 1990.


Contatti :

claudiopagliara.com drclaudiopagliara@gmail.com pagliara.claudio


Gli articoli di “Medicina Olistica”


0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments