a cura di Felice Nicotera


I canti briganteschi si diffusero dopo il 1860, quando con la liberazione del Sud e la nascita del Regno d’Italia, iniziarono a sorgere insurrezioni popolari contro il nuovo governo, nelle ex province del Regno delle Due Sicilie. Il movimento brigantesco si estese nelle aree agricole del Meridione, caratterizzato da canzoni popolari che furono tramandate oralmente e provenivano dal Cilento, dal Vallo di Diano, dalla Lucania e dalla Calabria. I briganti si rifugiavano sui monti e spesso per ammazzare il tempo cantavano e suonavano tarantelle, pizziche e tammurriate.

Non ci sono fonti che attestano se queste canzoni popolari fossero state concepite dai briganti, ma sicuramente, questi canti erano conosciuti dal popolo e fino alla seconda metà del XX secolo venivano ancora recitati dai cantastorie e dai nostri nonni e genitori, custodi preziosi di questa antica memoria. La tradizione orale rimane libera e aperta alle trasposizioni di significato, ed anche alle idealizzazioni leggendarie. E’ difficile fare quindi una distinzione netta tra realtà e mito nella narrazione delle storie dei briganti e delle brigantesse Italiane. Oggi presso alcune comunità assistiamo a suggestive rievocazioni storiche dei briganti, come la saga del brigante Nardantuono nella vicina Olevano sul Tusciano, “Le Notti dei Briganti” che si svolge in modo itinerante, attraverso l’intero abitato di San Gregorio Matese o “Il Cammino dei briganti” composto da un percorso di 100 Km tra borghi medievali e natura selvaggia tra Abruzzo e Lazio. Ecco alcuni esempi di canti non troppo conosciuti, ma che ben rappresentano il movimento brigantesco delle nostre terre e costituiscono una interessante testimonianza linguistica del dialetto cilentano di fine Ottocento.

Canti briganteschi del Cilento

Simo breanti re lo Re Borbone
e lo Cilento tutto nui giramo
armati re coraggio e de ragione
e re li ‘nfami i cunti regolamo.
Tira compagno mio e non sgarrare
inta lo centro mira re lo core
fa’ li gendarmi tutti parpitare
come poddastro ra cortieddo more.
Canto raccolto a Laurino

Tu si’ lu giurici re li miei signuri,
i’ so’ lo capo re li fuorilegge;
tu scrivi co’ la penna e dai ruluri,
i’ vao ppe’ lu munno senza legge.
Tu tieni carta, penna e calamaio
ppe’ castia’ a sti poveri pezzienti,
i’ tengo povole e chiummo, quanno sparo:
giustizia fazzo a chi non tene nienti.
Canto raccolto a Mercato Cilento

Chi a la morte me vulia mannare
re lo mari pozza stare a lu funno!
Sta vita triste voglio io abbrazzare
senza legge,giranno ppe’lu munno.
I’non so’muorto e so’bbivo ancora,
l’uogglio re la mia lampa ancora rura;
stesse accorte chi mme vole male
ca non so’chiuso ancora tra quattro mura
Canto raccolto a Pellare

A mmi la morte no mme fa spavento
pure ca rormo a l’aria serena,
re la mia vita sono assai contento
non mme piglio arbascia oppure pena.
Accussì ha bboluto la fatale stella
ppe’compagnia avè le scuppettate
so’destinato a vivere ribbelle
ra nu mumento a n’ato esse scannato.