di Felice Nicotera



“É notte” di Eduardo De Filippo

 Tutt’è silenzio dint’a sta nuttata
nun se sente nu passo ‘e cammenà.
Nu ventariello tutta na serata
pare ca me vuleva accarezzà.
 
E finalmente chiagno! Tu non vide,
tu staje luntano, comme ‘o può ‘vedè?
Però t’ ‘o ddico pecchè tu me cride
e si me cride, chiagne nzieme a me!
 
Scenne stu chianto lento, doce doce,
nun aizo na mano p’ ‘asciuttà.
Io strillo pe’ te fa’sentì sta voce,
ma tu non puo’ sentì…c’allùcco a ffa’?
 
Tutt’è silenzio…ncielo quanta stelle!
affaccete, tu pure ‘e ppuo’ vedè:
songo a migliare, e saie pecchè so’ belle?
Pecchè stanno luntano, comm’ ‘a tte!
  
 Traduzione:
 Tutto è silenzio in questa nottata
 non si sente un passo camminare.
 Un venticello per tutta la serata
 pare che mi volesse accarezzare…

 E finalmente piango! Tu non vedi,
 tu sei lontana, come puoi vedere?.
 Però te lo dico perché tu mi creda
 e se mi credi, piangi assieme a me!

 Scende lento questo pianto, dolce dolce,
 e non alzo una mano per asciugarlo.
 Grido per farti sentire questa voce,
 ma tu non puoi sentire…che grido a fare?

 Tutto è silenzio…in cielo quante stelle!
 Affacciati, anche tu le puoi vedere:
 sono migliaia, e sai perché son belle?
 Perché sono lontane, come te! 

Gli articoli di “Napolitudine”
5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments