di Felice Nicotera


Tutte ‘e ccose ‘mpruvvisate songo sempe sapurite: ‘e cchiù meglie ‘nnammurate, l’aggio avute, me credite?, senza quase sape’ comme, scasualmente, faccia a faccia. Sempe primma ‘e sape’ ‘o nomme m’ ‘e truvavo dint’ ‘e braccia. «Core mio, te voglio bene! » «E pur’io! » Ch’è sta currente ca ce mette dint’ ‘e vvene sta caurara ‘e fuoco ardente? Io mo t’aggio canusciuta, tu m’hê visto sulo mo: na guardata, e si’ caduta, e pur’io cadenno sto. ‘E stu passo, n’atu ppoco ca sti mmane ce strignimmo, comme a ll’acqua ‘ncopp’ ‘o ffuoco ce ‘nfucammo e po’ vullimmo. E chi si’? Nun ne parlammo, nun me preme d’ ‘o ssape’. Io chi so’? Nun ce penzammo. Ce sta sfizio? E viene a mme! Ce ‘o ddicimmo vocca e vocca, musso e musso, core e core. Che nn’hê ‘a fa’ si chi te tocca è Vicienzo o Sarvatore? Che me preme e che me ‘mporta si si’ Briggeta o ‘Ngiulina, si ‘a cammisa è longa o corta, vaie cu ‘a scarpa o cu ‘a scarpina! Io te voglio? E tu dimustre ca songh’io chillo ca vuo’? Veco dint’a st’uocchie lustre ll’uocchie mieie ca lustre so’? E dicimmece abbracciate tutto chello ca sentimmo: po’ cacciammo ‘e cunnutate: ma pe’ mo, chi simmo simmo. A nu surzo d’acqua fresca cirche ‘a carta ‘e identità? Leva ‘a sete? Te renfresca? Se capisce po’ addo’ va. Dice ‘a ggente ‘nfaccia ô sole: Tu ce scarfe ma chi si’? E nemmeno cu ‘e ffigliole sti pparole se hann’ ‘a di’. Tu me scarfe e daie calore? me cunzuole ‘a giuventù? e si ‘o sole nasce e more, nasce e muore pure tu.


Gli articoli di “Napolitudine”
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments