a cura della Redazione di “A tutto notizie”


Le ultime regole introdotte dal Codice della Strada in seguito al Decreto Semplificazioni 2020 riguarda l’installazione e la sostituzione di un serbatoio GPL.

Sostituzione prima del Decreto

Il Codice della Strada prevedeva che in caso di sostituzione di un elemento i veicoli a motore e i loro rimorchi devono essere sottoposti a visita e prova, ovvero a collaudo, presso gli uffici della Motorizzazione Civile. Ciò va fatto, in generale, ogni volta si apportano una o più modifiche alle caratteristiche costruttive o funzionali, ovvero ai dispositivi d’equipaggiamento, oppure se è stato sostituito o modificato il telaio. Nel caso di un nuovo impianto GPL  su un’auto a benzina o se bisogna sostituire l’impianto dopo 10 anni dall’immatricolazione dell’auto, era obbligatorio sottoporre il veicolo ad un nuovo collaudo presso la Motorizzazione Civile, che avveniva in tempi non brevissimi.

Sostituzione dopo il Decreto

Con il nuovo decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sono cambiate le modalità. Praticamente la visita e prova non sono più richieste presso la Motorizzazione Civile, ma il collaudo e le operazioni amministrative relative all’installazione o alla sostituzione dei serbatoi a gas possono essere espletate direttamente presso le autofficine o i centri autorizzati. Questo, in pratica, azzera i tempi e semplifica la procedura. Importante è rivolgersi a esperti autorizzati per evitare spiacevoli inconvenienti.